never say digital
Posted on 18 febbraio 2016 by Sasà Tomasello on Digital Marketing, Never Say Digital

Digital strategy, obiettivi e strumenti

Nella loro comunicazione, troppo spesso, le aziende fanno un classico errore: parlare troppo di se stessi, invece di concentrarsi sul vero scopo della creatività – di influenzare il comportamento d’acquisto dell’utente – concentrandosi, invece, sugli aspetti funzionali delle loro offerte.

Ma oggi il consumatore vuole sentirsi protagonista, come abbiamo già avuto modo di scoprire, quello del digital marketing è un trend in continua ascesa e con l’avvento dei social network oggi gli utenti vogliono essere raggiunti, stimolati e resi partecipi. Bisogna creare strategie che offrano esperienze coinvolgenti, utili e interessanti.

influencer_marketing

Un profondo cambiamento di scenario. 
Già nel 2014, la Cisco ci avvertiva di come, in Italia ad esempio, l’uso di internet avesse superato i confini casalinghi e lavorativi: le persone intervistate possedevano di media 3,3 device a testa, e li usavano per accedere a internet. Il wifi non è più percepita come una commodity, ma come un servizio pubblico, accessibile a tutti. Il mondo è in mano ai Nativi Digitali Millennials, ovvero i consumatori nati tra il 1980 e il 2000, che stanno portando profondi cambiamenti anche nei processi cognitivi.

Il marketing pubblicitario tradizionale, definito già da Seth Godin come modello industriale-televiso, tende ad essere velocemente sostituito da quello sociale/collaborativo: sui social ci sono persone che conversano: delle loro esperienze, dei comportamenti e feedback, raccontano le loro esperienze e danno consigli.

110116_145257

Si tratta, in pratica, di aiutare i brand a sviluppare attività che favoriscono le relazioni con loro pubblico di riferimento. E una digital strategy è tutta quelle serie di attività utili per gestire un progetto di business, raggiungendo gli obiettivi attraverso l’uso di strumenti digitali.

digital-strategy

Il marketing digitale è un modello snello, capace di adattarsi ai cambiamenti in breve tempo e si rivolge, o meglio coinvolge il consumatore nel processo comunicativo.
Una strategia digitale, ci permette di targettizzare l’audience, sia in fase di pianificazione delle campagne, che grazie ai suoi risultati. Ci offre la possibilità di integrare più canali in modo cross mediale e di raggiungere le masse o al contrario di performare meglio il nostro target.
Ma, cosa più importante, una strategia digitale è misurabile. 

  1. Primo fattore per la misurazione è la viralità/engagement: quanto gli utenti parlano di me, o interagiscono con i miei contenuti?
  2. Secondo fattore, l’impatto: raggiungo il mio target con contenuti diversi dalla pubblicità a pagamento?
  3. Terzo fattore è l’usabilità: i miei canali, profili e prodotti digitali sono appealing, pratici e utili per l’utente?
  4. Infine, quarto fattore, ma non ultimo, la conversione: ovvero quanto le mie azioni strategiche digitali generano (re)azioni che portano profitto e creano valore per il brand o prodotto?

 

Join the discussion 1 Comment

Lascia un commento